Crolla il fattore campo nella prima giornata del campionato femminile di A2. 
Una sola vittora interna su otto gare disputate rendono il bilancio del turno inaugurale del tutto singolare.
L'unico successo interno lo si è registrato nel girone Nord Est ed a centrarlo è stata a Rari Nantes Bologna impostasi per 14 a 7 sul 2001 Padova. La vittoria del Bologna conferma la bontà di una rosa, quella felsinea, decisa a ritornare nel più breve tempo possibile tra le protagoniste della massima serie.
«Al di là del risultato positivo – ha commentato dichiara a fine gara il tecnico del Bologna, Andrea Posterivo– sono molto soddisfatto della prestazione delle mie atlete, dopo il lungo stop c'era tensione e  tanta voglia di giocare, abbiamo iniziato bene, anche se nel secondo tempo abbiamo commesso alcuni errori che hanno permesso alle avversarie di riavvicinarsi, nella seconda metà gara siamo riusciti ad imporre il nostro gioco costruendo le azioni che ci hanno permesso di ottenere superiorità numeriche e rigori. Molto bene la prova di tutto il comparto giovanile». 
Nello stesso girone si è registrata l'ampia vittoria del Nuoto Club Milano che ha superato 4-15 il Brescia. Nelle fila del team meneghino, con 7 reti all'attivo, in evidenza Gaia Apilongo, centroboa dedita al sacrificio, classe 92, che contribuì, alcuni anni fa, a riportare il Pescara in A1 e che ora vuole riprovarci col Milano. 
«Siamo contenti di questo esordio -ha sottolineato il trainer del Milano, Leonardo Binchi- ho visto un buon atteggiamento da parte di tutte le ragazze. Non era facile calarsi in questo nuovo campionato, con un altro modo di giocare, con l’arbitraggio singolo. E non era facile, per noi come per tutte, riiniziare a giocare dopo l’ultima partita di 10 mesi fa. Sono contento innanzitutto di questo atteggiamento visto; poi giocare ci aiuterà a migliorare ancora e ancora. Quindi bene così, punto a capo. Ricominciamo subito a lavorare».

Risultati identici (11-12) quelli ottenuti, nel girone Nord, da Rari Nantes Imperia e US Locatelli impostesi rispettivamente su Aquatica Torino e Rapallo. 
La sfida delle Galileo Ferraris è stata caratterizzata dall'incredibile quanto bella rimonta dell'Imperia che, sotto 7-2 ad inizio della terza frazione, ha lottato a denti stretti sino a ribaltare il punteggio e portare via, grazie ad un gol realizzato a 5 secondi dalla fine dall'argentina Carla Comba. 
«E’ stata la vittoria del gruppo -ha rbadito a fine gara l'allenatrice dell'Imperia Mercy Stieber- tutte hanno dato il 100 per cento sia chi ha fatto quattro tempi in acqua, sia chi era in panchina. Sono contenta di sottolinearlo. Abbiamo cominciato male, e svoltato nel terzo periodo. Grazie ad un paio di reti in superiorità abbiamo riacquistato fiducia». 
Grande la delusione nelle fila del Torino dove si è distinta come migliore realizzatrice Erica Bottiglieri, attaccante classe 2001 con trascorsi nell'Acquachiara, nel Bogliasco e nel Bologna. 
Vittoria esterna anche per La Locatelli che ha espugnato la vasca del Rapallo. La grintosa e giovane compagine di Stefano Carbone  ha superato per la prima volta in un incontro di campionato assoluto il Rapallo facendolo in modo assai più netto di quanto dica lo stesso punteggio. Nel Rapallo prova sopra le righe di Svetlana Kuzina (classe '93), giocatrice di caratura internazionale, autrice di 6 reti. 
«Un inizio promettente il nostr in una partita che per molti aspetti era davvero difficile da affrontare -ha commentato il tecnico della Locatelli- abbiamo margini di miglioramento enormi e molto da lavorare, ma già così possiamo essere competitive, di più a questa prima giornata non potevo chiedere. Ora dobbiamo essere brave a resettare e a prepararci per le prossime difficilissime sfide».

Nel girone Centro la Roma Vis Nova s'è imposta a Santa Maria Capua Vetere battendo il Volturno per 9 a 11 confezionando la vittoria nell'ultimo quarto sotto la spinta di una incontenibile Federica Angiulli, autrice di sette reti. Il Volturno del nuovo trainer Dusan Vidovic prima illude, poi si perde sul più bello, complice un calo fisico e forse anche mentale. Nell'altro confronto del girone l'F&D, affidato quest'anno a Manuel Bombelli espugna (10-12) la vasca del Castelli Romani. Vane nelle fila delle castellane le cinque reti messe a segno da Margherita Mandara classe '96 già componente della rosa della Roma in A1 nel 2013. 

Tantimi gol realizzati nelle due gare che hanno caratterizzato il turno inaugurale del girone Sud. Nell'anticipo di sabato ampia (7-25) l'affermazione della compagine dell'Acquachiara ai danni del Napoli Nuoto. Più contenuto, comunque netto (9-14), il successo della Brizz Nuoto di Carlo Zilleri sul Torre del Grifo. In gran spolvero tra le vincitrici, la palermitana (classe '93) Alessia Mascari, autrice di 7 reti.  

RISULTATI E TABELLINI SERIE A2 F  clicca qui  ><

Nella foto la US Locatelli

 

25 / 01/ 21