Al Bologna non basta la verve realizzativa del centroboa statunitense Gina Bella Mata’afa (cinque le reti messe a segno domenica, suo primato stagionale) e nemmeno i gol di due specialiste come Martina Verducci e Carolina Nicolai, ad evitare la sconfitta nella sfida esterna col Trieste, big-match del girone Nord della A2. Così come era accaduto all’andata (allora s’imposero alla Sterlino per 11 a 8) le alabardate di Ilaria Colautti hanno vinto anche la gara di ritorno superando alla “Bruno Bianchi”  le felsinee per 12 a 10. 
«Le ragazze hanno messo in campo grinta, carattere, cuore e determinazione. Questo successo le ripaga dei tanti sacrifici che stanno facendo, si allenano sempre duramente, e oggi possono essere pienamente soddisfatte». Ha commentato soddisfatta l’allenatrice del Trieste che annota con orgoglio il fatto di aver mandato in gol sette diverse giocatrici. 
Il Bologna, fermo a quota 24 è braccato dal Sori Pool Beach uscito con un pareggio (come era già accaduto all’andata) dal confronto col Como, quarto a quota 20. 
Nelle retrovie fa notizia il successo del Brescia ai danni del Padova. Il 5 a 4 col quale le rondinelle si sono imposte domenica sulle biancorosse di Galina Rytova consente a Fanelli, Bovo e compagne di compiere un salto triplo in classifica: scavalcata la Locatelli che ha ceduto pesantemente in trasferta di fronte al Varese Olona e agganciato il Lerici sconfitto in Sardegna da un solido Promogest
«Dopo tanti sacrifici, tanto lavoro e fatica, ci voleva questa vittoria ottenuta con carattere e convinzione dei propri mezzi –ha commentato il trainer del Brescia Eddie Calderara– cominciamo a raccogliere un po’ di quanto abbiamo seminato». 

La gara contro il fanalino di coda Messina consentiva qualche esagerazione, ma la capolista del girone Sud della A2, Vela Ancona è andata ben oltre vincendo la sfida con le peloritane di Federica Radicchi con venti reti di scarto, mandando in gol nove volte (record stagionale difficilmente eguagliabile) Elena Altamura. Salgono così a nove le vittorie in campionato delle “cosmiche” di Milko Pace che conservano intatto, in attesa del confronto diretto in programma nell’anticipo di sabato, il vantaggio di 4 punti sul Flegreo impostosi a sua volta sul Volturno: successo maturato grazie alla buona impostazione data nei primi due tempi della gara da Parisi, Morvillo e compagne.
Acquachiara e Cosenza si mantengono nella scia. Le partenopee di Barbara Damiani hanno rifilato un netto 13 a 2 al Tolentino, mentre il Cosenza, così come accadde all’andata, ha sudato le proverbiali sette camicie per risolvere a proprio favore la sfida col la Brizz.
Punti facili anche per la Roma Vis Nova che doppia il Firenze rimasto in gara solo un tempo.   

Nella foto: Elena Altamura (Vela Ancona)

18 / 03/ 19

Potrebbero interessarti