Chiusura in sfumando o se preferite in la minore che è l'accordo della malinconia. In cinque ancora tra i tormenti: compresse in due punti Bogliasco, Lazio, Ortigia, Torino e Roma Vis Nova. Si dibattono tra nono e tredicesimo posto, una salverà subito la pelle, le altre agli spareggi retrocessione. Già in nove o hanno raggiunto il limbo (Trieste e Acquachiara) o conoscono il loro destino. A2 per il Quinto, Final Six per Recco, Brescia, Sport Management, Posillipo, Canottieri e Savona, in quest'ordine quasi rigorosamente visto che solo le due napoletane possono passarsi di mano un quarto posto quasi del tutto inutile ai fini del tabellone conclusivo. E' pochino per quello che un tempo era il campionato più bello del mondo. La regular season ha riservato poche vere emozioni e rarissimi sussulti.
Guardiamo indietro e annotati le minime vibrazioni di una classifica che è andata esattamente come doveva andare: la favorita che colleziona primati, le outsider continuano a fare le outsider senza altre sorprese. La candidata alla retrocessione diretta che ha mantenuto i presagi. Chi doveva tribolare sta tribolando.
Qualsiasi commedia che proponga un copione scontato non può riscuotere il successo sperato. Solo questo dovrebbe indurre chi di dovere a interrogarsi sulla formula ma soprattutto su questo status quo che non possono produrre gli effetti sul medio e anche sul lungo termine. Le piscine desertificate sono lì a certificarlo, non ci sono flash mob o le pur lodevoli invenzioni promozionali della Pro Recco che tengano. Forse la capolista non ha tutte le colpe, però il suo oramai certo conseguimento del record dei record di vittorie consecutive nello sport italiano di vertice sa più di legittimazione che di autorevolezza. Da registrare il rientro di Stefano Tempesti fra i pali, dopo l'infortunio.
Con le una tantum non si va da nessuna parte. Adesso confidiamo nel testa a testa tra il quintetto anti play out e nella sportività delle squadre che le incontreranno. Sabato già un tris di verifiche oltre allo scontro diretto Ortigia-Roma l'unico certificato all'ultimo sangue. Poi le finali di Torino, scudetto e salvezza, la proclamazione dei vincitori in un'annata senza squilli e senza bollicine. Le trombette dei pochi ultras sopravvissuti e lo champagne mediatico non fanno testo.

Il Bogliasco inizia il rush finale di una stagione che nel prossimo mese emetterà i suoi verdetti.t:«Come per tutti – sostiene il centroboa biancazzurro Andrea Fracas - anche per noi l'obiettivo è ovviamente quello di evitare gli spareggi. Sappiamo che non sarà per nulla facile, anche perchè mil calendario non ci sarà molto favorevole. Dopo il Brescia, in casa, chiuderemo il campionato con due trasferte, a Napoli contro la Canottieri e a Siracusa con l'Ortigia. Se contro i lombardi sarà proibitivo fare punti, nelle altre due partite non avremo alternative alla vittoria. E non è detto che due successi, peraltro tuttaltro che semplici da ottenere, ci bastino per arrivare noni. Noi comunque dobbiamo e vogliamo provare a fare l'impresa».
Prima di pensare al futuro, però, bisogna guardare al presente e quindi al prossimo avversario. Sabato alla Vassallo arriverà il Brescia, unica formazione di grado di competere con la corazzata Pro Recco. Proprio come avvenuto contro i campioni di tutto un paio di mesi fa e con lo Sport Management più recentemente, l'obiettivo dei bogliaschini è giocare all'altezza dei più quotati rivali, facendoli sudare il più possibile un successo che sulla carta pare scontato: «E' chiaro – conclude Fracas - che contro Brescia sarà una gara durissima. Noi però l'affronteremo al massimo, come abbiamo sempre fatto contro le prime della classe. Questa gara per noi sarà importante per preparci bene alle prossime sfide di campionato ed anche agli eventuali spareggi. Con Recco e Sport Management abbiamo dimostrato che quando giochiamo con la testa libera e senza assilli di risultato possiamo davvero impensierire chiunque e con Brescia vogliamo ripeterci».

Ancora una trasferta impegnativa prima dell’ultima, e fondamentale, tappa della fase a gironi di Champions League. Per l'A.N. Brescia di Sandro Bovo il match in un campo tradizionalmente ostico come la piscina Vassallo, si preannuncia come valido banco di prova per ottimizzare la preparazione in vista della sfida cruciale con l’Olympiakos, attesa mercoledì, a Mompiano. Un’altra importante occasione per testare le condizioni atletiche senza risparmiare in fatto di grinta e lucidità; per Marco Del Lungo, Zeno Bertoli e Edoardo Manzi, una dose di stimoli in più verrà dalla convocazione per il collegiale che la nazionale maggiore svolgerà a Rijeka, dal 27 al 30 aprile (il programma prevede una serie di allenamenti con la nazionale croata).
«La forma fisica è piuttosto buona – dichiara Bertoli, concentrato su sabato e anche decisamente soddisfatto per il ritorno con la calottina del Settebello -, per rientrare subito nel giusto clima dopo la pausa di Pasqua, stiamo ultimando una piccola fase di carico di lavoro e, comunque, siamo carichi e pronti a esprimerci con determinazione. Sappiamo bene che la Vassallo è una piscina difficile e giocheremo con il massimo impegno, sia per il nostro percorso in campionato, che per avvicinarci nel migliore dei modi al match con l’Olympiakos: qualificarci alla Final Six di Budapest è uno dei nostri principali obiettivi, e faremo di tutto per conquistare punti contro i greci. Per quanto riguarda la mia chiamata in nazionale, sinceramente, non me l’aspettavo e, ovviamente, sono molto contento di tornare agli ordini di Campagna: mi viene offerta la possibilità di dimostrare di poter essere utile alla causa tricolore e ce la metterò tutta per essere all’altezza».

 

Giornata n.24 del 22/04/2017
 

CN Posillipo (p. 46) - AS Acquachiara (p. 25)

Pro Recco (p. 69) - SC Quinto (p. 7)

SS Lazio (p. 20) - PN Trieste (p. 25)

Bogliasco 1951 (p. 19) - AN Brescia (p. 64)

CC Ortigia (p. 20) - Roma Vis Nova (p. 20)

Can.Napoli (p. 45) - RN Savona (p. 32)

Torino 81 (p. 19) - Sport Management (p. 55)


Nella foto Giacomo Casasola dell'Ortigia, squadra che si batte per evitare i play out

21 / 04/ 17

Potrebbero interessarti