La regular season chiude i battenti con il Posillipo che da un senso tutto diverso al campionato grazie ai tre punti ottenuti in casa del Catania. La vittoria in se fa morale, ma soprattutto vale l’ottavo posto alle spalle della rivelazione Florentia. In dodici a referto, piazzano il 4-0 tra primo e secondo tempo che decide la partita, gli etnei accusano il colpo ma rendono il parziale subito nelle ultime battute per limitare i danni, tutto sommato possono comunque dirsi più che contenti della loro stagione.
I gigliati invece faticano a Torino, raccolgono la vittoria di misura in una gara da ben 27 gol. Gara abbastanza equilibrata, con la posta piena Tofani festeggia un settimo posto per il quale alla vigilia chiunque avrebbe firmato senza batter ciglio. Ancora trascinatore Astarita con ben 6 gol, onore ai piemontesi che sembrano pronti per giocarsi gli spareggi salvezza.  
In casa Lazio arriva Trieste, in netta crescita rispetto alle prime apparizioni di stagione. Da vedere se la cura Brazzatti darà i frutti anche negli scontri diretti, intanto è buona per recuperare il risultato in extremis, partita con ancora più valore considerando l'esordio di Seppi tra i pali, appena 15 anni ma tanto entusiasmo. La gara in fin dei conti era importante solo per testare il gioco, ma comunque i muscoli carichi di lavoro non hanno reso pienamente l’idea della situazione a Sebastianutti, quarta frazione docet.
Situazione simile alla Caldarella, la sirena forse ha evitato il pareggio. In attesa delle finali della prossima settimana la vasca aretuasea è stata ospite dello scontro dei padroni di casa con la Canottieri. Avanti in maniera netta i ragazzi di Piccardo, gli ospiti, privi di Lapenna non sostituito,  tirano su la testa troppo tardi e non agganciano il pari per sopraggiunta sirena.
Gran battaglia anche a Busto Arsizio, il Savona ritrova Giovanni Bianco dopo l’infortunio e mette sotto la Sport Management per gran parte della partita. I valori tecnici dei locali riescono a venire fuori a fine terza frazione con il primo vantaggio firmato da Figlioli, ma è dura domare la grinta che Angelini trasmette continuamente ai suoi, la differenza l’hanno fatta i mezzi tecnici superiori dei mastini.
Purtroppo la grinta non basta al Bogliasco per evitare la sconfitta in casa Recco. Partono a rilento i campioni, vengono fuori già nel secondo parziale scavando il solco che sarà sempre più profondo fino al termine del match.
Cambiano location e calottine ma non il divario a Santa Maria Capua Vetere dove l’Acquachiara saluta la serie A1 con la prevedibile sconfitta subita dal Brescia (6 gol anche di Guerrato oggi). Eroici i ragazzi di Iacovelli che non si sono mai abbattuti nonostante le sconfitte, c’è da giurarci che da ottobre tenteranno la scalata. Brescia già in forma Final Six con l’8-1 della prima frazione.

Si ritorna quindi in vasca venerdi in quel di Siracusa. Vietato sbagliare, gare secche che non consentiranno appello.
Queste le griglie, con in parentesi l’avversario in semifinale della vincente

FINAL SIX - Siracusa

Quarti di finale - venerdì 25 maggio
1) 18.30 Sport Management - Can.Napoli (*)
2) 20.00 CC Ortigia - RN Savona (*)

Semifinali - sabato 26 maggio
17.00 Pro Recco - vincente quarto2  (**)
18.30 AN Brescia - vincente quarto1 (**)

Finale 5/6 posto - sabato 26 maggio
20.00 tra le perdenti dei quarti (*)

Finali - domenica 27 maggio
13.00 3° posto tra le perdenti delle semifinali (*)
16.00 1° posto tra le vincenti delle semifinali (**)

(*)   diretta Waterpolo Channel
(**) diretta Rai Sport

PLAYOUT - Siracusa

Semifinali - sabato 26 maggio
14.00 SS Lazio - Torino '81
15.30 Bogliasco 1951 - PN Trieste

Finale - domenica 27 maggio
14.30 tra le perdenti delle semifinali

Già retrocessa AS Acquachiara.


Nella foto
Matteo Astarita

19 / 05/ 18

Potrebbero interessarti