Css Verona e Rari Nantes Florentia. Se classifica tenesse in considerazione la media inglese, ovvero il sistema che attribuisce un punteggio maggiore in correlazione al “fattore campo”- sarebbero queste le squadre meglio piazzate, dopo la prima giornata, in vetta alla classifica del campionato femminile di A1. 
Le venete di Giovanni Zaccaria hanno messo in cascina i primi tre punti della stagione imponendosi a domicilio su un Bogliasco, generoso, cui è mancata però, al momento opportuno, la necessaria lucidità. Otto le giocatrici del team scaligero andate a segno. Migliore realizzatrice la canadese Kristina Alogbo (tripletta). Vittoria esterna anche per la Florentia andata ad espugnare (prima doppietta italiana dell’olandese Tina Ten Broek) la vasca della matricola Ancona. Una vittoria maturata nei minuti finali salutata festosamente dall’esordiente tecnico delle gigliate Aleksandra Cotti. Decisamente diverso invece l’umore in casa marchigiana con Milko Pace che si consola per aver visto ridotto sensibilmente il gap rispetto alla Florentia che solo una settimana prima, in Coppa Italia, s’era imposta con un margine ben più pesante sulla sua formazione.
Tutto facile per la SIS Roma che ha strapazzato la matricola Trieste. Il divario di nove reti nel punteggio rende più chiaro il commento con Domitilla Picozzi (5 le reti messe a segno) che si è vista anche parare un rigore dalla promettente Sara Ingannamorte. Cinque anche le reti realizzate da Silvia Avegno. Migliore realizzatrice tra le alabardate la giovanissima Dafne Bettini.
Più difficile il successo del Plebiscito Padova ai danni di un tenace Rapallo avanti di due reti a metà gara sulle biancorosse. A prendere per mano la formazione veneta ed a contribuire al ribaltone, è stata la pescarese Chiara Ranalli (già balzata, da sola, al comando della classifica marcatori) autrice di sei reti, tre delle quali, su rigore. Sul fronte ligure due le giocatrici in evidenza: Carolina Marcialis e l’ungherese Barbara Bujka
All’appuntamento con la prima vittoria stagionale si è fatto trovare pronto anche l’Orizzonte Catania. Le campionesse d’Italia hanno avuto ragione del Nuoto Club Milano con un punteggio migliore rispetto al quale s’erano imposte sabato scorso in Coppa Italia. Buon viatico dunque per le ragazze di Martina Miceli, mentre il Milano, nelle cui fila si è già distinta Carla Carrega rientrata in Italia dopo la positiva esperienza americana, medita sulle troppe opportunità concesse alle etnee. Leonardo Binchi ha poche ore per preparare il riscatto. Mercoledì il Milano sarà di nuovo in vasca per l’anticipo interno col Bogliasco.

Nella foto di Rosario Turrisi, Chiara Ranalli 

05 / 10/ 19

Potrebbero interessarti