L’anticipo: quello di mercoledì 9 che ha visto il Nuoto Club Milano imporsi nella vasca di Busto Arsizio per 15 a 9 sul Bogliasco ed il posticipo, quello di giovedì 17 tra Css Verona e Vela Ancona (anticipo e posticipo hanno uno stesso comune denominatore:  i playoff delle nazionali di seconda fascia per la partecipazione agli Europei di Budapest che vedranno impegnate giocatrici croate e serbe attualmente in forza nel nostro campionato) hanno ridotto a tre il numero delle gare in programma domani, in occasione della seconda giornata del torneo femminile di serie A1 di pallanuoto.
Plateau comunque interessante a partire dal match in programma alle 18,30 (trasmessa in diretta su Waterpolo Channel) e che vedrà fronteggiarsi, nella piscina di Rapallo, le padrone di casa di Luca Antonucci e la SIS Roma guidata da Marco Capanna.
 
La gara è di fatto la riedizione, a campi invertiti, dell'ultima finale della Coppa Italia, vinta lo scorso 7 gennaio dalle capitoline.
«Sarà una bella battaglia, loro hanno un attacco molto ben organizzato pertanto l’obiettivo primario sarà arginare al meglio il loro centroboa Galardi e le loro attaccanti nel giro della Nazionale». ha commentato in sede di presentazione il portiere, classe ’91 Carola Falconi, rientrata al Rapallo dopo l’intervento all’anca di due anni fa.
 
La miniserie di incontri del sabato si aprirà su due campi: alla Bruno Bianchi col match tra il Trieste, matricola della A1, che farà il suo debutto interno e le campionesse d’Italia dell’ Orizzonte Catania ed alla Nannini col match tra Rari Nantes Florentia e Plebiscito Padova.
 
Tra Trieste e Catania, l’unico precedente, in Coppa Italia, lo scorso 28 settembre, si è concluso a favore delle etnee che si imposero 18 a 10. 
«Ci attende una partita durissima –commenta Ugo Marinelli chiamato a sostituire sulla panchina del Trieste la titolare Ilaria Colautti, attualmente in maternità– contro l’Orizzonte dovremo giocare una gara accorta, loro hanno tantissima qualità in tutti i reparti, dovremo limitare al massimo gli errori. Alle ragazze chiederò più aggressività in fase difensiva, rapidità nei movimenti e maggiore precisione nelle situazioni di superiorità numerica».
Per la gara di Firenze, non fossimo che solo alla seconda di andata, si potrebbe già parlare di scontro al vertice.
Gigliate e venete viaggiano infatti “a punteggio pieno” in virtù delle rispettive vittorie ottenute la scorsa settimana ai danni di Ancona e Rapallo.
«Saremo concentrati e determinati a fare bene –promette il trainer del Plebiscito Padova, Stefano Posterivo– bisognerà evitare l’atteggiamento sbagliato e gli errori fatti all’esordio contro Rapallo, e giocare la nostra pallanuoto, ben consapevoli del nostro valore ma attenti a non dare nulla per scontato».

Il programma al link ><

Nella foto di Rosario Turrisi, il Padova a rapporto da Stefano Posterivo

11 / 10/ 19