Autore


Sono solo 4 le gare in programma nella quinta di andata del campionato femminile di A1.
Slitta a mercoledì 6 novembre il confronto tra SIS Roma e Plebiscito Padova, entrambe impegnate nei preliminari di Euro League.

Occasione propizia, per l’Orizzonte Catania che ospita alla Zurria la Vela Ancona, per compiere un allungo solitario come conferma Isabella Riccioli, 19enne attaccante in forza al team isolano guidato da Martina Miceli:
« Ci teniamo a vincere e a fare sempre bella figura, consapevoli del fatto che siamo in un periodo di duro lavoro, nel quale stiamo preparando sotto ogni aspetto la partita di Supercoppa contro il Sabadell. La tensione è certamente molto alta, ma sappiamo che non possiamo mollare neanche di un solo centimetro». 

Gara tutta da seguire quella in programma alla Faustina di Lodi tra il Nuoto Club Milano di Leonardo Binchi ed il Rapallo di Luca Antonucci . «Mi aspetto una partita da giocare con il coltello tra i denti. Rapallo è un ottima squadra, ben messa in campo, e che ha tra le proprie fila delle campionesse –conferma le attese il trainer del team lombardo, Leonardo Binchi– ha cambiato tanto questa estate ma è riuscita a riproporsi come squadra assolutamente meritevole di rispetto. Abbiamo visto le partite che le liguri hanno giocato sin qui. Sono state tutte partite giocate fino alla fine contro squadre sulla carta più attrezzate. Noi stiamo bene, ho a disposizione tutte le ragazze, ma sarà una gara da giocare bene e senza scomporsi mai in tutte le fasi».

Si preannuncia un confronto vibrante anche quello tra Bogliasco e Rari Nantes Florentia
«Avremo di fronte una formazione già affrontata e bloccata sul pari a casa sua in Coppa Italia e appaiata in classifica a quota tre punti –stigmatizza Sonia Criscuolo, uno dei pilastri del Bogliasco di Mario Sinatra– ci aspettiamo una partita combattuta. Abbiamo gli stessi punti in classifica quindi scendiamo in acqua con lo stesso obiettivo. Ci sarà da lottare e da soffrire. Ma siamo pronte».

Alla Bianchi di Trieste le alabardate di Ugo Marinelli attendono invece il Css Verona desiderose, dopo i primi quattro k.o. di inizio stagione, di cambiare finalmente rotta.
«Dobbiamo pensare solo a questa partita- spiega l’allenatore del Trieste Ugo Marinelli- senza lasciarci condizionare da quanto accaduto la scorsa settimana. Affronteremo una squadra quadrata, smaliziata, abituata ai ritmi di questa categoria, ma forse un po’ meno attrezzata rispetto ad altre compagini di alta classifica. Dobbiamo farci trovare pronti».

02 / 11/ 19