Terza di ritorno vietata ai deboli di cuore quella che propone al serie A1 femminile con la prima sfida prevista, in ordine di tempo, dal programma che già la dice lunga.
Css VeronaF&D H2O è una di quelle partite che non consentono distrazioni. Né al Verona, in questo caso (cui sembra far gola l’ipotesi di un suo possibile coinvolgimento nella corsa alla Final-Six), né al Velletri che un’eventuale sconfitta finirebbe per relegare a distanza pressoché abissale dal resto del plotone, rendendo nel contempo ardua l’ipotesi salvezza anche attraverso i play-out.
Sono punti preziosi in chiave Final-Six quelli in palio tra Florentia e Bogliasco, con le gigliate di Andrea Sellaroli chiamate all’impresa contro una formazione, quella ligure di Mario Sinatra, che sembra avere le idee chiare sul traguardo che vuole raggiungere, come conferma il capitano delle biancazzurre, Giulia Rambaldi: «Stiamo inseguendo la Final-Six. E per riuscirci non possiamo non provare a vincere contro le nostre dirette avversarie, una delle quali è proprio la Florentia».
La Liguria della pallanuoto femminile si riscopre ambiziosa grazie anche al Rapallo che non ha mai nascosto quelli che sono i propri traguardi. Riflettori puntati quindi sulla piscina del Poggiolino per il confronto tra le gialloblù di Luca Antonucci e le campionesse d’Italia del Plebiscito Padova, match che ha tutti i requisiti per essere annoverato tra i più importanti della terza giornata di ritorno. Lo sguardo va alla classifica, che vede le due squadre appaiate al secondo posto a 25 punti. Per il Rapallo, che deve ancora recuperare il match della prima giornata di ritorno contro la SIS Roma (rinviato per la concomitanza con la prima fase di Eurolega a mercoledì 20 febbraio), l’occasione è più che propizia per staccare le patavine e conquistare la seconda piazza in solitaria. L’impresa non è semplice: il Padova, che due giornate fa è incappato nel passo falso in casa del Verona, si presenta a Rapallo con la voglia di riscatto che si somma alla qualità e all’esperienza di una squadra consolidata. Il tecnico del Padova Stefano Posterivo così tratteggia il confronto. «Sarà una partita importante che avrà risvolti sulla classifica che sarà decisa dagli scontri diretti tra le prime quattro protagoniste. Da parte nostra ci sono spirito e motivazioni e tanta voglia di rimetterci in sesto. Da adesso ad inizio marzo abbiamo un ciclo di cinque partite molto importanti tra campionato e Coppa Europea e dobbiamo essere pronti. Questo è un gruppo solido che gioca molto sulle emozioni e sono convinto che affronterà al meglio questa parte della stagione».
Gara da “o dentro, o fuori” per il Torre del Grifo quella che vedrà le catanesi –che hanno affidato la loro guida tecnica a Giusi Malato e che possono far leva sul nuovo innesto, quello del centro boa neozelandese Isabella Morrison– ospitare il Nuoto Club Milano che sta attraversando a sua volta un momento delicato della stagione. «Non sarà una partita facile –conferma Jelena Vukovic, montenegrina di nascita, componente della nazionale serba e punto di forza del sodalizio lombardo– non vinciamo da dicembre e dobbiamo assolutamente conquistare due punti. Ci serve soprattutto per la testa e possiamo farlo. Non mi piace dire che sarà una partita facile, niente è facile. Siamo ad un buon livello, ed ora dobbiamo fare un step in più».
La 12esima giornata si concluderà con la sfida delle sfide, quella tra Orizzonte Catania e SIS Roma, match che all’andata, ad Ostia, si risolse col successo, di misura, delle siciliane che svettano in classifica dall’alto dei 30 punti conquistati sin qui. La Roma di punti ne ha 23 (una gara in meno), ma la recente impresa che ha portato le capitoline ad aggiudicarsi la Coppa Italia 2019, rappresenta un biglietto da visita importante. Fare pronostici è praticamente impossibile. Non resta che azzardare la tripla.  

08 / 02/ 19

Potrebbero interessarti