Autore


Padova e Catania campi principali per la prima giornata dei Play-Off per l’assegnazione dello scudetto femminile di pallanuoto 2021.
Venerdì 14, a Padova le imbattute biancorosse di Stefano Posterivo ospiteranno nella prima delle due gare previste (gara-2 è in programma martedì 18 maggio; eventuale gara-3 si disputerà sabato 22) il Css Verona. A Catania (piscina “Francesco Scuderi” di via Zurria) le etnee di Martina Miceli attendono la visita della Sis Roma, cliente scomodo che meno di una settimana fa, nell’ultima delle gare in programma del Preliminary Roun Scudetto, ha inflitto un forte dispiacere alle isolane superandole in casa 5 a 10. L’obiettivo principale delle rossazzurre sarà naturalmente quello di vincere la sfida per portarsi in vantaggio sulle capitoline. Ma per la formazione etnea c’è soprattutto il desiderio di offrire una grande prestazione. 
Anche se appare più facile, almeno sulla carta, vuole il massimo, dal confronto col Verona, anche il Padova. «Il nostro maggiore compito è quello di resettare, dimenticare i risultati fatti fino ad ora ed approcciare questa partita in un modo consono ad un evento di questo calibro, senza pensare ai precedenti di quest’anno contro il Verona che è una buona squadra, con ottime individualità, come abbiamo sempre detto, quindi è capace di mettere in difficoltà –mette in guardia il trainer del Padova, Stefano Posterivo– noi dovremo avere l’atteggiamento, la concentrazione, l’attenzione, la determinazione giuste per fare una Gara-1 di semifinale scudetto: Gara 1 è sempre complicata perché la squadra in casa deve vincere, è quasi sempre la più complicata della serie».
Verona ci crede ancora e farà di tutto per provare a sgambettare l’avversaria. A prometterlo, in casa gialloblù è una delle giocatrici più rappresentative del gruppo: Veronica Perna. «Abbiamo le carte in regola per potercela giocare. La farà chi ha più voglia di vincere e chi delle due squadre ci crede di più, rimanendo concentrata fino alla fine. A questo punto del campionato ogni partita deve essere giocata al 100 per cento, senza risparmiarsi. In più di un'occasione il Verona è stata una squadra imprevedibile: sarebbe bello esserlo anche questa volta».

In tema di A1 si completerà sabato il quadro degli incontri del Final Round. In vasca alla Bianchi, per il recupero della terza giornata del girone di andata, Trieste ed Ancona con le marchigiane chiamate a riscattare la brutta prestazione offerta proprio contro il Trieste (in occasione della disputa della gara di ritorno vinta dalle alabardate 7 a 9) pochi giorni fa alla piscina del Passetto.
Sul match il commento del tecnico delle doriche Milko Pace: "E' stata una settimana di confronti, ci siamo guardati in faccia, abbiamo lavorato bene e adesso vedremo la reazione delle ragazze. Sono curioso, dalle parole di questa settimana adesso dobbiamo passare ai fatti. Il risultato è secondario, voglio vedere una squadra che giochi da gruppo, senza mollare e restando sempre attaccata alla partita".
Rispetto alle ultime due uscite, la Pallanuoto Trieste recupera Veronica Gant e Dafne Bettini, anche se entrambe sono comprensibilmente a corto di condizione, mentre sarà ancora assente Lucrezia Cergol. La sconfitta di misura incassata a Bogliasco è stata prontamente metabolizzata e l’allenatrice triestina Ilaria Colautti ha le idee chiare: «Vogliamo il bottino pieno per archiviare al meglio un campionato con tanti intoppi per noi. Il morale è alto, la squadra ha dimostrato di saper sopperire anche alle assenze, ora siamo concentrate sul match con l’Ancona».

Nella foto Paul Take: Elena Borg (Css Verona)

13 / 05/ 21