In attesa del big-match tra SIS Roma e Plebiscito Padova in programma mercoledì 6 novembre alle ore 14 (posticipo reso necessario per i concomitanti impegni nel preliminare di Euro League di entrambe le formazioni) l’Orizzonte Catania ha allungato il passo mietendo, ai danni della Vela Ancona, sconfitta 21 a 1 alla Zurria, la sua quinta vittoria consecutiva in campionato.
Le etnee di Martina Miceli hanno messo letteralmente all’angolo la matricola marchigiana mandando a segno otto giocatrici di movimento con Arianna Garibotti, autrice di cinque reti, migliore marcatrice tra le isolane. In gran spolvero anche la mancina Giulia Emmolo:  4 i suoi sigilli. Il gol della bandiera dell’Ancona porta la firma del difensore Lisa Strappato che compirà 20 anni il prossimo 23 novembre. 
«Abbiamo avuto un buon approccio alla gara e questo è un dato positivo in vista del tour de force che ci attende nelle prossime tre settimane, con le sfide di campionato contro Padova, Roma e Verona e la sfida di Supercoppa Europea a Sabadell. Poi arriverà il momento del girone di Coppa Campioni, quindi sarà un periodo molto duro –ha commentato Martina Miceli– abbiamo lavorato tanto, adesso inizieremo a scaricare un po’ e arriveranno le partite belle da giocare». 

Se quella del Catania era una vittoria preventivabile, non lo era certo quella del Rapallo a Lodi contro il Nuoto Club Milano.
Il 12 a 11 col quale le liguri di Luca Antonucci hanno chiuso il confronto è frutto di una partita al cardiopalmo che Carola Falconi e compagne hanno incanalato sul binario giusto nel corso del primo tempo accumulando un buon vantaggio (2-5) protetto con le unghie e coi denti nella parte finale del match. Milano le ha tentate tutte raggiungendo il pari con un rigore di Arianna Gragnolati a poco più di un minuto dal termine. Ma pochi istanti dopo Carolina Marcialis, migliore marcatrice con 4 reti, nelle fila del Rapallo, ha riportato l’ago della bilancia a pendere dalla parte del team ligure che si rimette quindi meritatamente in corsa, dopo un turbolento avvio di stagione, per un posto in final-four. 

Successo esterno con un gol di scarto anche per la Rari Nantes Florentia nella vasca del Bogliasco.
Decisivo, anche in questo caso, l’allungo prodotto nel corso della prima frazione di gioco. Letizia Nesti con una doppietta e Gloria Giachi hanno sorpreso le biancazzurre di Mario Sinatra che nel prosieguo del match hanno invano tentato di ricucire lo strappo.
«Questa forse è la gara in cui come atteggiamento abbiamo giocato meglio in questo avvio di stagione –ha commentato il trainer del Bogliasco Mario Sinatra– peccato per gli errori che commettiamo, che sono sempre troppi. Tante cose che in settimana funzionano al sabato non vanno altrettanto bene. Ma dobbiamo solo continuare a giocare e avere pazienza. Non possiamo che crescere».

Verona corsaro, infine, nella vasca del Trieste. Gara vibrante con le venete di Giovanni Zaccaria che hanno fatto valere la maggiore esperienza tenendo sempre a bada la giustificata intraprendenza delle orchette di Ugo Marinelli. Giulia Bartolini e Adele Esposito le migliori realizzatrici nelle fila del Verona; di Dafne Bettini (4) il maggior numero di reti realizzate dal Trieste.

Nella foto: Dafne Bettini (Trieste)

02 / 11/ 19