Due vittorie esterne, due interne ed un pareggio; 93 reti realizzate (Torre del Grifo-Orizzonte Catania la gara dove si è segnato di più) con Valeria Palmieri, che compirà 25anni il prossimo 18 ottobre, centroboa dell’Orizzonte, bomber di giornata con 5 reti messe a segno; Giulia Rambaldi Guidasci, 22enne difensore del Bogliasco, autrice del gol più veloce, realizzato dopo neppure un minuto dal fischio d’avvio della gara contro il Velletri e Divina Nigro, portiere, approdata da pochissimi giorni in casa Verona, capace di neutralizzare un rigore alla californiana del Padova Devin Grab

Sono queste le cifre che consentono, in modo più agevole, la rivisitazione della prima giornata del campionato femminile di A1.
In vetta, la vera sorpresa, è la presenza della Rari Nantes Florentia. Le gigliate di Andrea Sellaroli hanno espugnato la vasca del Nuoto Club Milano che dopo una bella partenza (3-1 il parziale del primo tempo) ha finito per cedere il fianco al ritorno di Cordovani e compagne.
Soddisfatto il trainer del sodalizio toscano, Andrea Sellaroli: “Sono contento perché le ragazze hanno interpretato alla perfezione ciò che in settimana avevamo preparato. Non era facile venire a Milano a fare punti, quindi la soddisfazione è doppia sia per il risultato che per il bel gioco. Abbiamo bisogno ancora di un po’ di tempo per conoscerci, di sicuro questa vittoria ci dà più sicurezza anche se bisogna restare umili».
Diverso il commento del trainer del club milanese Leonardo Binchi «Peccato perché avremmo voluto esordire con altro modo di fronte al nostro pubblico. Siamo partiti molto bene, giocando ottimamente in difesa e producendo e realizzando in attacco. Con il passare del tempo poi ci siamo contratti sempre di più non riuscendo a trovare le soluzioni soprattutto in attacco. Speravamo tutti di iniziare in modo diverso, ma nessun dramma: conosco solo una soluzione, che è quella di continuare a lavorare in modo duro e silenzioso». 

Arriva dalla piscina di Ostia l’altra sorpresa della prima giornata. Si tratta del pareggio (7-7) scaturito al termine del confronto tra Sis Roma e Rapallo. Un pari accolto con soddisfazione, considerato il bel recupero compiuto nel finale, in casa romanista.
Differente l’umore che emerge dalle dichiarazioni del trainer delle liguri Luca Antonucci: «Purtroppo abbiamo buttato via la vittoria nell’ultimo tempo, commettendo tre ingenuità nella gestione dell’attacco: se avessimo gestito in maniera diversa avremmo quasi sicuramente portato a casa il risultato. Nel complesso abbiamo difeso molto bene e altrettanto ci siamo comportate in attacco. Bisogna ancora maturare esperienza per evitare di commettere certi errori, di cui comunque è fondamentale fare tesoro. Torniamo a Rapallo con un punto comunque importante dopo una trasferta difficile. Ora, subito testa al derby con il Bogliasco, altra partita sicuramente ostica».

Facili e pressoché scontate le vittorie di Orizzonte Catania e Padova nei confronti delle matricole Torre del Grifo e Css Verona col trainer delle campionesse d’Italia, Stefano Posterivo che non ha però gradito l’atteggiamento tenuto in vasca, per buona parte del match, dalle biancorosse.
Senza storia anche l’esito della gara tra Bogliasco e F&D H2O Velletri con le liguri sempre padrone del campo, aspetto questo che ha consentito al trainer delle biancazzurre Mario Sinatra di far scendere in vasca tutte le giocatrici a disposizione. 

Nella foto
Andrea Sellaroli

13 / 10/ 18