Gioie, amarezze, delusioni, rimpianti e soddisfazioni. C’è un po’ di tutto questo nelle dichiarazioni del dopo gara raccolte questa settimana nell’abito della A1 femminile.
Della vittoria dell’Orizzonte Catania, impostasi in casa per 16 a 7 sull’F&D H2O ha parlato Rosaria Aiello 29enne centroboa del team isolano; 243 presenze nella Nazionale italiana. «Era importante vincere e conquistare i tre punti , ma dobbiamo riconoscere che non abbiamo giocato con il piglio giusto. Di sicuro non può essere questo l’atteggiamento con cui dovremo affrontare il Rapallo in casa sua la prossima settimana. Analizzeremo quel che abbiamo fatto, concentrandoci soprattutto sugli errori commessi, per prepararci al meglio alla trasferta in Liguria. Probabilmente abbiamo sbagliato determinate cose solo perché non abbiamo avuto la giusta attenzione, forse abbiamo sottovalutato un po’ l’avversario».
Attento ai particolari è, come sempre, anche Stefano Posterivo. Il trainer del Padova così ha analizzato la prova della sua squadra uscita vittoriosa per 14 a 4 dalla sfida esterna col fanalino di coda Torre del Grifo. «Abbiamo giocato una partita non buona, ma come spesso succede quando ci sono le sveglie alle 4 della mattina e un viaggio aereo. Partita di conseguenza difficile mentalmente da affrontare e soprattutto con la giusta concentrazione visto il divario tra le squadre. Da lunedì comunque cominceremo a lavorare per preparare il prossimo periodo di partite fondamentali per il nostro percorso stagionale».
Grande prova di forza e concentrazione quella dimostrata dalla SIS Roma impostasi 8 a 16 ai danni del CSS Verona. Questo il giudizio del trainer del sodalizio capitolino, Marco Capanna. «Le ragazze sono state molto brave, sono molto contento e soddisfatto perché abbiamo avuto l'approccio giusto ed abbiamo mantenuto il controllo anche in situazioni dove c'era da lottare di più, mi è piaciuto l'atteggiamento durante le partite. E' chiaro che si può migliorare tanto, si possono prendere meno gol ma abbiamo prodotto tanto. Questo è lo spirito giusto e c'è un miglioramento rispetto all'inizio. Ha esordito in A1 Iannarelli e sono contento perché le ragazze esordienti stanno affrontando il campionato con la giusta attenzione come piace a me».
Positiva anche la prestazione del  Rapallo andato a conquistare tre punti importanti (3-14 il risultato) nella trasferta toscana con la RN Florentia. L’allenatore ligure Luca Antonucci commenta soddisfatto la prova della sua squadra. «Partita interpretata molto bene sin dall’inizio, sia in fase difensiva sia offensiva. Stiamo migliorando tantissimo i meccanismi di gioco provati in allenamento e abbiamo grandi margini per fare ancora meglio. Ora, subito testa alla partita della prossima settimana contro l’Orizzonte primo in classifica. Vedremo cosa riusciremo a fare, di certo ce la metteremo tutta».
Punti pesanti quelli incasellati alla Saini dal Nuoto Club Milano impostosi 14 a 11 sul Bogliasco. Così il tecnico Leonardo Binchi.  «Punti importantissimi. Sono contento di vedere le ragazze in questo stato di forma fisico e atletico. Senza far torto a nessuno, posso dire che abbiamo dominato la partita dal punto di vista fisico, siamo rimasti in partita senza flessioni dal primo all’ultimo minuto. Complimenti quindi alle mie ragazze per come si impegnano durante la settimana. Sono felice perché si iniziano a vedere i primi frutti. A parte il primo parziale perso per 4 a 2, abbiamo vinto tutti gli altri tempi chiudendo sempre in crescendo. Poi certo, abbiamo ancora tante cose da correggere, ancora errori evitabili. Ma se continueremo con questa concentrazione e abnegazione durante la settimana, penso che potremo toglierci delle soddisfazioni».
Nonostante il k.o. ha parole di incoraggiamento e di ammirazione nei confronti delle sue ragazze il tecnico del Bogliasco, Mario Sinatra che non tralascia una piccola tirata d’orecchi nei confronti del pubblico di Bogliasco e della stessa società. «Siamo state davvero molto brave. Abbiamo giocato alla pari con una formazione che sulla carta ci è superiore e probabilmente meritavamo qualcosa di più. Ci mancava Carlotta Malara, ma Elena Falconi ha fatto il suo. E nel terzo tempo abbiamo dovuto rinunciare alla Rogondino uscita per limite di falli. A quel punto abbiamo pagato un po’ di stanchezza e le tante cose negative affrontate in settimane. Loro ne hanno approfittato sfruttando al massimo la loro esperienza e il fattore campo. Spero solo che l’entusiasmo e l’impegno che queste ragazze mettono in ogni gara e in ogni allenamento trovi finalmente il giusto riconoscimento anche da parte del pubblico e della società che non sempre stanno starci vicino come meriteremmo».
Amarezza ben mitigata, dopo il pesante k.o. col Rapallo quella del trainer della Rari Nantes Florentia, Andrea Sellaroli. «Il Rapallo è una delle quattro intoccabili di questo campionato. Sapevamo che non era un match alla nostra portata, perché i valori tecnici tra le due squadre sono troppo distanti. Ovvio che una sconfitta così pesante ci rimette con i piedi ben saldi per terra, in vista della prossima sfida casalinga contro il Verona».
La nuova battuta d’arresto, avvenuta peraltro ad opera della prima della classe non preoccupa il trainer dell'F&D H2O Velletri Danilo Di Zazzo che vede anzi segnali positivi nella prova della sua squadra. «Abbiamo fatto il nostro meglio, anche nell’uomo in più dove abbiamo creato abbastanza. Si vedono progressi ed è fondamentale la partita con Torre del Grifo sabato, lì dovremo vincere per forza e dare una sterzata al nostro campionato. Mi fa piacere vedere che tutte stanno cominciando ad ambientarsi alla categoria. Questa è una settimana fondamentale per noi».

Nella foro: Rosaria Aiello

02 / 12/ 18